Le gare di richiamo in America

Posted by Mirco | febbraio 27, 2015 0

INTERVISTA CON IL VINCITORE BY ENRICO PASELLO RESP. QUACKERS ITALIA ESTERO

consegna del premio vinto

consegna del premio vinto

 

È per me un grande onore intervistare per voi il campione mondiale di richiami 2014, David St. John della Echo Duck Calls.

Ciao David racconta un po’ ai nostri amici italiani chi sei,e dove e’ iniziata la tua passione per la caccia alle anatre.

Il mio nome è David St. John. Io vivo a Conway, Arkansas USA e lavoro alla Echo Duck Calls. Vivo in Conway da circa 24 anni. Sono nato e cresciuto in Lonoke, Arkansas USA dove sono cresciuto cacciando le anatre sin da bambino. Lavoro per la Echo Duck Calls da 8 anni. Da bambino cavalcavo a fianco di mio nonno, e quando usciva per controllare gli stagni di pesce in cui lavorava, usava lasciarmi a caccia alle anatra mentre lavorava e tornare a prendermi quando era ora di pranzo. Ecco come la mia passione per caccia alle anatre ha avuto inizio. Ho cacciato alle anatre la maggior parte della mia vita.

Quando hai iniziato a fare competizioni?

Ho deciso alla fine del 1999 di iniziare a provare gareggiare nelle competizioni. Mi sono qualificato per il campionato mondiale di richiami nel 2003, vincendo il Show Me regionale a Kansas City, Missouri. Mi sono qualificato per il World Duck Calling Championship 12 anni di fila. Ho finito nella top 10 su 9 volte in 12 anni. Ho finito nella top 5, 5 volte. Nel 2013 sono finito 2 ° accanto al mio buon amico Brad Allen. Lo scorso anno 2014, ho vinto il Campionato del Mondo.

Che richiamo usi nelle competizioni?

Io uso il nostro Echo duck call nominato BOSS, che è il nostro richiamo da concorso. Il BOSS ha un inserto particolare studiato per effettuare la chiamata più forte di qualsiasi altro duck call che abbiamo. Infatti non usiamo questo richiamo a caccia ma solo per la fase concorsuale.

Come funziona una gara di richiamo? E come si arriva al mondiale?

Per qualificarsi per il Mondiale Duck Calling Championship devi vincere un Contest statale o un concorso regionale che è sancito dalla Camera di Commercio di Stuttgart. Ci sono normalmente intorno 68-70 partecipanti che si qualificano ogni anno per il concorso. Ogni gara deve seguire le regole che vengono emesse dalla Camera di Commercio. Ci devono essere 5 giudici qualificati per giudicare il concorso. Ci sono 3 turni che sono segnati (1 ° rd) 70-80 (2 ° rd) 80-90 e (3 rd) 90-100. I giudici non possono vedere il concorrente e scrivono il loro punteggio dopo che il concorrente ha fatto la sua routine. Dopo ogni turno c’è un taglio che normalmente è la metà dei concorrenti in base al loro punteggio. Il concorrente riceverà un punteggio da ogni giudice per ogni turno e il punteggio più basso è messo fuori. Viene fatta la medie dei 3 punteggi e una totale per round. La persona con il totale punteggi combinati di tutti i 3 turni è il vincitore.

Lasciando un po’ la competizione a caccia che modelli usi?

Per quanto mi riguarda mentre sto a caccia, io non uso il richiamo da concorso. Io in realtà uso un duck calls in legno “TIMBER” o un XLT in acrilico (Xtra Loud Timber)call . Io di solito caccia nelle paludi tra gli alberi , mentre solo di rado nei campi.

Che vuoi dire in conclusione ai nostri amici italiani?

Mi sento di dire che la caccia è una grande passione. Sono cresciuto con i suoi valori e mi piace sempre di più. Grazie ad essa ho avuto il piacere di incontrare un sacco di nuove persone e fare nuove amicizie.

È una grande parte della mia vita e amo ogni minuto di essa!

Saluto tutti gli amici italiani e ringrazio te Enrico per questa intervista.

David St. John

Echo Duck Calls

Responsabile richiami per acquatici estero Quackers Italia

Enrico Pasello

gamma richiami echo

richiami ECHO in costruzione

richiami ECHO in costruzione

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Blog

img-fabio-durante-wood-team-quackers-02@2x
Championship-2017-CRG8

Championship 2017 CRG8

Posted on dic 7, 2017 in Blog | no responses

problema-alieno

IL PROBLEMA ALIENO

Posted on nov 6, 2016 in Blog | no responses